La scuola, il vivaio degli imprenditori di domani

Novembre 12, 2018 VED Consulting

La scuola, il vivaio degli imprenditori di domani

La scuola può essere, per le nostre aziende, un vivaio dove scegliere gli imprenditori di domani?

La riflessione che oggi vogliamo proporre riguarda un parallelismo che ci sembra interessante, immaginando come la scuola possa diventare il vivaio degli imprenditori di domani. Come le grandi squadre di calcio hanno i loro VIVAI di “pulcini” tra cui pescare i nuovi giocatori, allo stesso modo le aziende potrebbero pescare, nelle scuole, i propri “pulcini”. Da assumere, far crescere, far diventare persone mature e bravi professionisti.

Il tema della distanza tra mercato del lavoro e scuola è annoso. Tant’è che nel tempo ci sono stati molti tentativi di avvicinare questi mondi, così distanti per quanto riguarda obiettivi, strutture e meccanismi, ma allo stesso tempo accomunati da un fattore fondamentale: il fattore umano.

Perché gli stessi alunni ed alunne che troviamo oggi nelle scuole saranno i dipendenti e i manager che caratterizzeranno il mondo del lavoro di domani. Ecco in che modo la scuola rappresenta il vivaio degli imprenditori di domani. Certo, la riflessione è ampia e se volessimo soffermarci sull’analisi delle distanze tra il mondo della scuola e delle aziende, rischieremmo di perdere troppo tempo. Forse senza giungere ad alcuna conclusione universalmente condivisa. Per questo abbiamo deciso di osservare la questione da un’altra prospettiva.

Immaginate che le scuole siano dei grandi vivai dove, in base ai propri indirizzi, caratteristiche, programmazioni e materie, i ragazzi crescono giorno per giorno, per divenire persone pronte ad affrontare il mondo del lavoro. Immaginate ora che le aziende, fedeli alla propria mission e in base alle proprie logiche e strutture organizzative, vengano invitate a guardare al mondo della scuola con rinnovato interesse e fiducia. Un nuovo percorso grazie al quale i manager possano conoscere l’offerta formativa sul territorio. E constatare che alcuni degli indirizzi scolastici e formativi sembrano proprio disegnati su misura per loro. Beh, credeteci: è possibile!

Ma come si può tradurre tutto questo in pratica? Come fare in modo che le scuole diventino vivaio degli imprenditori di domani?

Il primo passo sono i TIROCINI FORMATIVI CURRICULARI. Periodi di tempo durante i quali i ragazzi che frequentano le scuole superiori “escono” dall’ambiente scolastico per immergersi completamente in quello lavorativo. Nessun costo, nessuna comunicazione ai Centri per l’Impiego. Tutte le carte sono preparate dalla scuola. Un’opportunità unica per conoscere eventuali futuri dipendenti.

Si può iniziare inserendo in azienda, e per un breve periodo, un ragazzo o una ragazza, magari del 2° anno di una scuola del territorio, giusto per iniziare a conoscerli. L’anno successivo, quando lo studente sarà in 3^, si potrà ripetere l’esperienza. E, senza quasi essercene accorti, abbiamo già superato il secondo passo di questo nuovo percorso d’integrazione scuola-lavoro.

A questo punto, se la risorsa è valida l’azienda può assumerla con un CONTRATTO DI APPRENDISTATO (valido anche per la Qualifica ed il Diploma Professionale) e attraverso la stipula di un patto formativo condiviso con la scuola.

 

Niente di impossibile e nemmeno di troppo oneroso.

Dal punto di vista economico, infatti, risulterà sicuramente conveniente visto che, dalla parte dell’imprenditore, l’unica risorsa da investire sarà il tempo da dedicare all’apprendista. E usiamo volutamente il termine “investire”, perché di questo di tratta visto che, in realtà, l’imprenditore sta dedicando del tempo alla “selezione privilegiata” di dipendenti futuri.

Diversamente, quale contratto vi consentirebbe di avere a disposizione una persona per molti mesi, durante i quali conoscerla, formarla, poterla valutare per poi decidere serenamente se inserirla o meno in organico?

Beh, oggi questo contratto esiste e si chiama art.43 D.Lgs.81/15.

Oggi sono già molte le scuole e le istituzioni formative che offrono questa opportunità, ovvero diventare il vivaio degli imprenditori di domani. Basta trovare quella più vicina al proprio settore aziendale!

 

Così come il calcio provinciale giovanile è una miniera di talento grezzo per le grosse squadre italiane, allo stesso modo le scuole rappresentano i vivai in cui le aziende possono pescare giovanissimi talenti. Da inserire nella propria struttura e impostando un percorso di crescita non solo professionale ma soprattutto umano.

Vogliamo scendere in campo e trovare il nostro vivaio degli imprenditori di domani?

 

Dott.ssa Elena Stancheris
Ti interessa scoprire il vivaio di talenti più vicino alla tua realtà aziendale? Scrivimi su elena.stancheris@vedconsulting.it

 

Condividi questo contenuto
, , ,